Al momento stai visualizzando Una Mente e Corpo elastico

Una Mente e Corpo elastico

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Benessere
  • Commenti dell'articolo:0 commenti

Non si tratta di contorsionismo,ma ben si di un concetto lontano, eppure così utile nel momento storico in cui viviamo.

Fin da piccoli,ognuno di noi,ha la predisposizione per essere “maneggiato” e capitare in differenti posizioni,senza quasi nessuna smorfia di dolore. Ebbene, non solo il corpo,perché la nostra mente è priva di caos,concetti,parole e pensieri,ed è proprio per questo che ogni cosa che udiamo,vediamo e annusiamo,viene subito immagazzinata e spostata nella memoria,perché siamo molto versatili.

Siamo o meglio eravamo,ma oggi abbiamo perso questa dote e abbiamo perso quel filo che unisce la mente e il corpo,un filo che regge l’equilibrio dell’essere umano nella propria vita.

Ma perché una mente elastica?

Il termine “elastico” identifica un atteggiamento in realtà,quell’atteggiamento da ritrovare e che avevamo fin da piccoli. Essere flessibili mentalmente e non rigidi,un concetto che nella cultura orientale ricopre molta importanza. Questo non significa di cambiare continuamente idea,di saltare da un pensiero all’altro,ma avere proprio l’abilità di adattarsi in ogni circostanza e saper gestire i “combattimenti mentali” che abbiamo periodicamente,giorno dopo giorno.

Basti pensare che fin da piccoli,avevamo la piena destrezza di apprendere un concetto,un insegnamento e subito dopo apprenderne un altro,anzi molto spesso capitava di aver la facoltà di svuotare la mente dell’insegnamento non più utile e lasciare spazio a nuove “trasmissioni” dall’esterno.

Fenomenale. Peccato che abbiamo letteralmente perso questo “potere”.

Il termine “flessibile” identifica anche una forte predisposizione al cambiamento,nello specifico al cambiamento delle proprie credenze,riuscendo a guardare tutto sotto altre prospettive. Questo atteggiamento ci può permettere di vedere i pensieri,i conflitti e i nostri ostacoli mentali in un altro modo,in un modo completamente diverso.

Dove c’è un problema esiste una soluzione,esiste un’altra strada e esiste un nuovo inizio. Bisogna sforzarsi e fare un lavoro su di sé , per vivere in un modo più “leggero” e sereno. Tornare alla mente originaria,quella del bambino,che dove c’è un ostacolo ne trova subito una via d’uscita o si adatta in ciò che si “scontra”.

Un corpo come un contorsionista?!

Nessuno deve iniziare a iscriversi a un corso di contorsionismo (anche se può avere i suoi benefici,come tutto del resto) , perché si può mantenere un corpo elastico in altri differenti modi e a qualunque età. Per corpo elastico,gli antichi Maestri lo intendevano come l’effetto di un corpo longevo,ovvero un corpo capace di essere armonico nei movimenti,sano e mantenendo una buona mobilità interna quanto esterna.

In giovane età si può “pretendere” molto dal proprio corpo,ma in tarda età è consigliato il mantenimento dello stato di salute più ottimale che si possa raggiungere in quel momento. Senza recare danni muscolari,ossei,tendinei e molto altro.

Per ottenere questo vi sono molti percorsi,di svariate provenienze,che hanno gli strumenti per realizzare questo obbiettivo nel tempo. Dallo Yoga (pratica diffusa in tutto il mondo) alle Arti Marziali,fino ad arrivare a esercizi di mobilità e respiro,provenienti dal QiGong(pratica interna di matrice cinese) e così via. Questi sono solo alcuni,ma ciò che è più importante è iniziare e avere una piccola (media o grande,dipende) costanza nel “coltivare” il proprio corpo.

Alcuni consigli pratici

Ecco alcuni consigli pratici,proprio per chi non ha mai fatto questo genere di cose:

  1. Alzarsi al mattino e riattivare il proprio corpo : attraverso una mobilità semplice e costante (collo,spalle,viso,addome,schiena,braccia,mani,gambe,caviglie etc) – e iniziare al meglio la giornata
  2. Se il proprio lavoro richiede molte ore seduti,bisogna muoversi: piccoli esercizi di mobilità per non permettere al corpo di assumere posizioni scomode per troppo tempo.
  3. La sera dopo il lavoro,prima di cena: riottenere mobilità e “oliare” le proprie articolazioni,attraverso esercizi di mobilità e stretching leggero.

Consigli pratici e semplici e che bisognerebbe prestare molta attenzione a qualunque età. Molto spesso il nostro corpo lo utilizziamo solo e d esclusivamente per le mansioni ordinarie,oppure per necessità improvvisa. Questo approccio può avvicinarci a ipotetici infortuni e dolori nel corso del tempo. Ri-Mobilitare il proprio corpo è una richiesta che lui stesso fa a noi,costantemente.

In Conclusione

Corpo e Mente sono da sempre i nostri alleati per il benessere psicofisico. Non sono divisibili,ma anzi,viaggiano insieme sullo stesso binario. Un corpo sano e una mente malata crea disequilibrio nel tempo anche nel corpo. Una mente sana e un corpo malato creerà disequilibrio nella mente. I due aspetti sono indivisibili,anche se l’idea occidentale (attuale,non di un tempo) è completamente l’opposto,tralasciando un aspetto o l’altro inevitabilmente.

Il consiglio è tornare alle “origini” e creare questa sinergia fra questi due “mondi” (mente e corpo),che influenzeranno la nostra vita presente e futura.

Buon ri-equilibrio a tutti.

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo,o esprimi il tuo pensiero e personale visione commentando qui sotto.

Per rimanere sempre aggiornato/a Iscriviti alla Newsletter 🙂

La lista Ferro e Seta tratta argomenti dedicati alle arti marziali interne/esterne, biomeccanica del corpo nell'allenamento etc. La lista Seme Interiore tratta argomenti di crescita personale, interiore e spirituale. Seleziona una o entrambi le liste.
Dichiaro di aver preso visione dei Termini e Condizioni mostrati *

Lascia un commento